LAVORO. ROMA METROPOLITANE, CISL: MOBILITAZIONE CONTRO SUPERFICIALITÀ E INERZIA

(DIRE) Roma, 3 dicembre 2020 – “L’inerzia della giunta Raggi sta mettendo a rischio la sopravvivenza di Roma Metropolitane, la partecipata di Roma Capitale incaricata di progettare le linee della metropolitana e della mobilita’ cittadina. Mentre nella societa’ partecipata si susseguono ingiunzioni legali e pignoramenti, l’Azionista unico, sembra piu’ che mai impegnato nell’inaugurazione di opere marginali e risibili rispetto ai gravi problemi della citta'”. Cosi’ in un comunicato la Cisl Roma Capitale Rieti e Fit Cisl Lazio. “Ormai piu’ di un anno fa ci avevano spiegato che la messa in liquidazione doveva essere funzionale ad un risanamento dell’azienda attraverso un riequilibrio dei conti- continua la nota- con l’approvazione dei bilanci pregressi e un Piano industriale orientato alla riorganizzazione e all’efficientamento, nella garanzia dei livelli occupazionali. La situazione attuale di Roma Metropolitane e’ invece esattamente l’opposto di quanto allora prospettato. 29 lavoratori e lavoratrici sono stati dichiarati esuberi strutturali, lo stipendio di novembre pagato con un acconto e grande incertezza per i salari prossimi, i bilanci non sono stati approvati, il risanamento non e’ avvenuto, il Piano industriale e’ inesistente. Intanto si avvicina inesorabilmente la data del 31/12/2020 con la chiusura della fase liquidatoria e il passaggio ad altre procedure concorsuali, la cui piu’ probabile e’ il fallimento. Tutto cio’ avviene nella totale indifferenza dell’Amministrazione Comunale che, pur disponendo delle risorse necessarie, non procede al riconoscimento dei debiti fuori bilancio e non fornisce alla sua partecipata il supporto finanziario necessario a far fronte alle esigenze primarie come il pagamento degli stipendi a lavoratrici e lavoratori. Di fronte a tanta superficialita’ e inerzia il sindacato promuovera’ una adeguata mobilitazione verificando anche la possibilita’ di iniziative legali a tutela dei dipendenti. Invitiamo pertanto l’Amministrazione Comunale e la sindaca Raggi ad assumere comportamenti responsabili nei confronti di un patrimonio importante per la citta’, fatto di persone con competenze e professionalita’ di rilievo e di attivita’ strategiche per la mobilita’ della Capitale”.