Fase 3: sindacati Roma, positivo incontro con Comune di Subiaco

Roma, 12 giugno 2020 – (Agenzia Nova) – In data 11 giugno si è svolta un’importante riunione tra l’amministrazione comunale di Subiaco, rappresentata dal sindaco, Francesco Pelliccia e dall’assessore ai servizi sociali, Angela Marocchini, e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil confederali, dei pensionati e della funzione pubblica, sui temi dell’emergenza sociale generata dalla pandemia da Covid-19 e sulle azioni conseguenti dell’amministrazione comunale. Lo riferiscono in una nota, Cgil Rieti Roma Eva, Cisl Roma Capitale Rieti, Uil Lazio. “L’amministrazione ha informato che su 100 mila euro messi a disposizione della Protezione civile e dalla Regione Lazio – si legge nella nota -, per la distribuzione di beni alimentari e di prima necessità, sono stati spesi già 58 mila Euro ed è in corso di ultimazione un ulteriore distribuzione dei 42 mila euro disponibili. Inoltre sono state attivate ulteriori iniziative quali il banco alimentare, un sala operativa per la distribuzione di alimenti e farmaci tramite convenzioni con farmacie, para-farmacie e esercizi commerciali del territorio, ed è stato istituito uno sportello di sostegno psicologico per le persone più fragili”.

Il Comune di Subiaco “ha informato che sono a disposizione 23 mila euro per l’anno 2019 per il sostegno alla locazione – proseguono i sindacati nella nota -, che completano lo stanziamento straordinario della Regione Lazio per il corrente anno, sottolineando che sul tema dell’aiuto alle famiglie per bollette e altre necessità vi è un impegno ulteriore messo a disposizione nel bilancio comunale. Nel corso della riunione si sono inoltre affrontati i temi della cosiddetta fase 3: centri estivi per bambini e ragazzi organizzati soprattutto all’aperto con iniziative ludiche culturali e di socializzazione. Si è inoltre parlato dell’integrazione scolastica degli alunni disabili, dell’integrazione socio-sanitaria e misure di prevenzione del contagio promosse dalla Asl. Particolare attenzione è stata dedicata agli anziani, che hanno un indice tra i più alti nella Regione Lazio, per iniziative finalizzate al contrasto delle fragilità e solitudini, ma anche con la valorizzazione della risorsa rappresentata da questa parte della popolazione, coinvolgendola con progetti intergenerazionali e di volontariato attivo. A fine mese riaprirà il centro anziani ma con le necessarie sicurezza dal contagio, le misure sono in fase di valutazione”.

Infine le organizzazioni sindacali hanno denunciato la forte problematica rappresentata dal funzionamento del distretto socio sanitario, che ha come capofila Olevano Romano “in quanto non risponde alle richieste di confronto e alla necessaria pianificazione delle risorse del piano sociale di zona – sottolineano i sindacati nella loro nota -, criticità estremamente rilevante che ha effetti pesanti e negativi sull’efficacia e il coordinamento degli interventi sociali e socio-sanitari su un territorio, che va ricordato, si caratterizza come montano, fatto da piccoli comuni e con una composizione demografica particolarmente anziana e fragile, socialmente ed economicamente. Per questo le organizzazioni sindacali, Cgil Cisl e Uil dichiarano che porranno con forza alla Conferenza dei sindaci e alla Regione Lazio il tema del funzionamento del Distretto e del piano sociale di zona e delle corrette relazioni sindacali. Il sindaco di Subiaco – conclude la nota – ha condiviso la preoccupazione del sindacato, impegnandosi a continuare a rappresentarla in sede di Conferenza dei sindaci e a dare continuità al confronto, condividendo la centralità del rapporto con le organizzazioni sindacali, in particolare sui temi dell’emergenza sociale e delle povertà”.