Notizie

LAVORO. CISL ROMA CAPITALE E RIETI, COSTANTINI ELETTO SEGRETARIO GENERALE  "DOBBIAMO RILANCIARE IL RUOLO DEL SINDACATO NELLE PERIFERIE"

LAVORO. CISL ROMA CAPITALE E RIETI, COSTANTINI ELETTO SEGRETARIO GENERALE "DOBBIAMO RILANCIARE IL RUOLO DEL SINDACATO NELLE PERIFERIE"

giovedì 4 luglio 2019/Categorie: Prima Pagina

 (DIRE) Roma, 4 luglio 2019. - Carlo Costantini e' il nuovo segretario generale della Cisl di Roma Capitale Rieti. Sostituisce Luca Bozzi che è stato eletto segretario organizzativo della CISL del Lazio. A lui vanno i più sentiti auguri per il nuovo e prestigioso incarico. Costantini è stato eletto dal Consiglio generale della Cisl territoriale che si e' riunito a Roma presso l'Auditorium Donat Cattin. Nato a Fiano Romano, sposato con 2 figli, ha iniziato a fare attivita' sindacale nel 1988 nella Fisascat Cisl. Da li' inizia il percorso che lo ha portato a ricoprire, nel 2016, il ruolo di segretario generale, carica che ha mantenuto fino al 2018 quando e' stato eletto segretario generale aggiunto proprio nella Cisl di Roma e Rieti. Lo comunica in una nota la Cisl di Roma Capitale e Rieti. "Il miglioramento della qualita' del lavoro e dalla vita sociale della persona deve essere al centro della nostra attenzione ed e' la sfida che da subito ci vedra' impegnati- ha dichiarato Costantini appena eletto- Dobbiamo rilanciare il ruolo del sindacato nelle periferie intese non solo geograficamente, ma anche come periferie del lavoro spesso sottopagato e non contrattualizzato, soprattutto per i giovani, e come periferie esistenziali dove la dignita' delle persone e' messa quotidianamente in discussione". Nella segreteria sono stati confermati Francesca Coscarella e Pierangelo Mancini. New entry il segretario generale della Filca di Roma, Marco Federiconi. Ai lavori ha partecipato la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, la quale ha sottolineato "l'importanza del clima collaborativo e partecipativo che si sta respirando in questa Cisl, sia a livello regionale che territoriale. Insieme farete un lavoro straordinario nei territori perche' il gruppo dirigente e' affiatato e coeso. Un fatto importante perche' dovete lavorare in una citta' come Roma che ha grandi potenzialita' ma anche grandi sofferenze. Rispondere al bisogno degli ultimi- ha concluso- e' la nostra scelta e lo sara' ancora piu' forte nei prossimi anni".

Effettua il login o registrati per lasciare un commento.