Notizie

Basilicata. Fisascat Cisl: "Controlli più incisivi per arginare il dumping contrattuale nei serivizi"

mercoledì 25 luglio 2018/Categorie: Cisl Rss Territoriali

Potenza, 25 luglio 2018 – Ispezioni  più incisive da parte degli organi ispettivi per arginare il sempre più diffuso ricorso al dumping contrattuale nel settore dei servizi". A chiederlo è la segretaria generale della Fisascat Cisl Basilicata, Aurora Blanca, che parla di “situazione allarmante sia negli appalti pubblici che in quelli privati”. Un fenomeno che riguarda pressoché tutto il settore terziario: dalle pulizie alle mense, dai servizi ausiliari alla vigilanza, etc. Ma cosa si intende per dumping contrattuale? “È una pratica che si sta diffondendo a macchia d’olio nella nostra regione e consiste nel fatto che molte aziende appaltatrici, soprattutto nel settore pubblico, applicano ai rispettivi dipendenti contratti nazionali di lavoro siglati da sindacati di comodo che prevedono trattamenti salariali e normativi inferiori ai trattamenti previsti dai contratti siglati dai sindacati maggiormente rappresentativi; talvolta, pur applicando i contratti cosiddetti ‘leader’, le aziende non lo rispettano pedissequamente”. 
 
“Una cattiva pratica – continua la sindacalista – che si alimenta anche grazie al silenzio e in alcuni casi alla complicità degli enti appaltanti che aggiudicano le gare senza tenere conto delle tabelle ministeriali, consentendo poi alle imprese di aggirare la clausola sociale nei cambi d’appalto per compensare i ribassi molto elevati”, spiega Blanca che lamenta anche controlli poco incisivi da parte dell’ispettorato del lavoro. “Non basta comminare delle sanzioni alle imprese inadempienti – aggiunge la segretaria della Fisascat – ma occorre procedere in modo tempestivo anche al ricalcolo delle buste paga per riconoscere ai lavoratori quanto dovuto in termini di salario, contributi previdenziali e diritti non goduti. Questo in alcuni casi non è avvenuto col risultato che le aziende continuano a fare quello che vogliono e i lavoratori perdono salario e diritti”, denuncia Blanca. 
 
Del resto, lo stesso ispettorato nazionale del lavoro, in una nota pubblicata sul proprio sito, rivendica la propria azione di contrasto al dumping contrattuale, in particolare nel settore del terziario, nei confronti di quelle imprese che non applicano i contratti ‘leader’ sottoscritti da Cgil Cisl Uil, sottolineando – testualmente – che “anche gli eventuali soggetti committenti risponderanno in solido con le imprese ispezionate degli effetti delle violazioni accertate”. “Questo significa – conclude la leader della Fisascat Cisl Basilicata – che anche le stazioni appaltanti devono essere più vigili nei confronti delle ditte appaltatrici e stabilire nei bandi di gara in modo esplicito e vincolante il contratto di riferimento e la clausola sociale, prevedendo al contempo la rescissione del contratto d’appalto in caso di inadempienze”. 

Effettua il login o registrati per lasciare un commento.